oceano

19,00

Autore: folco quilici

Editore: de donato editore

ISBN: LDM1656690430

1 in stock (can be backordered)

1 in stock (can be backordered)

Description

Raro esemplare della prima edizione di De Donato del 1972 in perfetto stato di conservazione. In-8, legatura editoriale telata crema con incisioni arancio al piatto anteriore e al dorso; sovraccoperta in carta illustrata a colori con alette; 432 pp., con risguardi illustrati a colori, alcune illustrazioni in nero nel testo e numerosissime tavole fotografiche a colori fuori testo.

Dall’aletta anteriore: Sedicimila miglia da est a ovest, dalla costa americana a quella australiana toccando le Galapagos deserte e le Hawaii sovrappopolate, la Micronesia, la sacra Isola di Pasqua, le Trobriand, la turistica Tahiti e le Tuamotu contaminate da cinquanta esperimenti atomici, e la Nuova Guinea, le Sottovento, Samoa, le Salomone, la Caledonia: è questo l’itinerario compiuto da Folco Quilici in quattro viaggi seguendo le rotte non tracciate su nessuna carta nautica attraverso il Sud Pacifico, un oceano che è continente.

Chiunque si sarebbe accontentato della inesauribile mutevolezza del paesaggio fisico immerso nel più mutevole degli elementi.

Quilici no: al viaggio attraverso gli uomini, le terre emerse e la distesa d’acqua dell’Oceania egli ha intrecciato il percorso non meno avventuroso nel tempo, nella storia e nella cultura di quella parte del mondo. Così al giornale di bordo del viaggiatore si è unito il taccuino dell’etnologo, al gusto di dar conto del diverso da noi, caro al viaggiatore di tutti i tempi, si è sommata la pazienza del ricercatore e dello studioso di una civiltà ancora misteriosa e affascinante.

I vari piani in cui si divide il libro di Quilici si spiegano dunque scoprendo la doppia molla che ha mosso l’autore: la spinta a conoscere la realtà attuale dell’Oceania attraverso le vertiginose trasformazioni verificatesi negli ultimi anni e la volontà di ricostruire, organizzare, descrivere quel che gli studi e le interpretazioni più accreditate hanno svelato a partire dalle prime scoperte geografiche fino alle ultimissime ipotesi dell’etnografia. Oggi che l’Oceania sta morendo sotto l’azione combinata della spinta all’occidentalizzazione e della distruzione ecologica, il viaggio di Quilici, nello spazio e nel tempo del continente oceano, acquista un valore e un fascino inconsueto: non è certo più consentito guardare a quella parte del mondo come all’ultimo paradiso ma forse è arrivato il momento di considerarla per quello che veramente è stata: un momento della civiltà in cui il rapporto dell’uomo con la natura fu magicamente perfetto.

Let's keep in touch!
Fill in the form and receive our newsletter

logo sernicola sviluppo web milano