acqua come frontiera

16,00

Sottotitolo: politiche per una nuova cultura della mobilità umana

Autore: caterina di fazio

Editore: feltrinelli

ISBN: 9788807990816

2 disponibili (ordinabile)

2 disponibili (ordinabile)

COD: 9788807990816 Categoria:

Descrizione

Dai campi in Bosnia al Mediterraneo, dalle mura di Ceuta e Melilla fino all’Atlantico, le persone in movimento vengono respinte alle frontiere, trattenute in isole-prigione, risucchiate sul fondo del mare fino a diventare corpi senza identità.

La questione migratoria viene brandita come arma di propaganda e affrontata come un’emergenza: una reazione paradossale, se pensiamo che il fenomeno della mobilità è legato a doppio filo alla storia dell’umanità.

Ridurre le migrazioni a un problema di sicurezza non consente di cogliere l’orizzonte di opportunità che possono schiudere in termini di sviluppo sostenibile, cooperazione internazionale e transizione verde.

Muovendo da una riflessione sullo spazio europeo come spazio politico da sempre imparentato all’idea di movimento, Caterina Di Fazio ci conduce al cuore della questione migratoria, dalle contraddizioni legate alle politiche di esternalizzazione delle frontiere passando per le contro-narrazioni che è possibile mettere in circolo per disinnescare discriminazioni xenofobe, fino alla necessità di difendere i principi di solidarietà creando nuovi canali legali per le migrazioni.

Edizione: 2022

Restiamo in contatto!
Compila il form per ricevere la nostra newsletter

logo sernicola sviluppo web milano