l’arte nella marineria

Sottotitolo: arte e artigianato della gente di mare e dei costruttori navali

Autore: aa.vv.

Editore: mondadori electa

ISBN: LDM1596028144

40,00

1 disponibili (ordinabile)

Descrizione

Raro esemplare della prima edizione dell’Istituto Editoriale Electa del 1967 in ottimo stato di conservazione. In-4, legatura editoriale con copertina rigida telata arancione, con incisioni azzurre sul piatto anteriore e sul dorso; con sovraccoperta in carta illustrata a colori con alette (particolarmente ingiallito il dorso); risguardi illustrati in marrone (annotazione a matita sul risguardo posteriore); con frontespizio stampato in nero e in arancione; con alcuni segni a matita e timbro; 244 pp., con numerose illustrazioni a colori e in nero nel testo (con didascalie fuori testo). Con timbro del Civico Museo Navale di Milano (n. di reg. 3274/6) in ultima pagina.

Traduzione di Maria Teresa Rubin de Cervin.

Dall’introduzione: “[…] Se qualcuno […] intende occuparsi di “arte della costruzione navale” come scienza storica, gli mancano evidentemente in primo luogo gli elementi visivi. […] Di navi […], vale a dire di imbarcazioni storiche originali, ben poco è giunto fino a noi. Non esiste quindi una storia dell’arte della nave per la mancanza di materiale oggettivo? L’esame di questo problema e il suo incoraggiante risultato, e cioè l’esistenza di testimonianze sufficienti (anche se per lo più di genere secondario) che fanno apparire sensato e meritevole l’occuparsi di questo campo antichissimo, quasi sconosciuto, ma altamente interessante, tutto ciò è stato il motivo della pubblicazione del presente libro.

Di quale natura sono tali testimonianze? Tra quelle da considerarsi secondarie sono le raffigurazioni dalle quali si può desumere lo sviluppo architettonico-storico della nave. Sono graffiti rupestri preistorici, pitture murali con imbarcazioni nilotiche nelle tombe reali egizie, immagini vascolari greche e miniature del primo Medioevo con raffigurazioni di navi; piani e progetti di navi rinascimentali e barocche eseguiti dai cantieri, disegni e dipinti della pittura di marine del XVII e XVIII Secolo, le più tarde riproduzioni delle singole navi, ingenuamente popolaresche, e le prime fotografie di velieri del secolo scorso; inoltre modelli di navi […].

E vi sono anche documenti primari […]: un paio di navi nord-europee d’alto mare, venute alla luce in recenti scavi, degli ultimi secoli prima di Cristo e dei primi dopo Cristo, come ad esempio quelle dell’epoca dei Vichinghi; navi affondate in passato e riportate a galla in questi ultimissimi anni […]; infine, resti di antiche navi e frammenti delle loro decorazioni […].

Tali testimonianze primarie e secondarie sono oggetto di questo libro. Non viene tuttavia trattato quello che è familiare a chiunque si interessi alla materia e che è stato da sempre registrato nella storia dell’arte, e precisamente nella storia della pittura: la cosiddetta pittura classica di marine, specie la scuola dei pittori olandesi di marine del XVII Secolo. […]

Per contro abbiamo riservato largo spazio ai dipinti raffiguranti specificamente le singole navi, un genere particolare di pittura dilettantistica popolare-internazionale, documentabile a partire dalla metà del XVIII Secolo, che ha alcuni rapporti di parentela con la ben più antica pittura votiva con rappresentazioni di navi. Questo quadri votivi a loro volta permettono di riconoscere delle relazioni con l’arte della costruzione navale antica ed esotica. Tutti questi generi sono stati presi in esame uno per uno.”

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “l’arte nella marineria”