l’oceano in punta di remi

19,00

Sottotitolo: come traversammo l’atlantico in 92 giorni

Autore: john ridgway – chay blyth

Editore: officine grafiche carroccio editrice

ISBN: LDM1657713936

Out of stock

Description

Raro esemplare della prima edizione di Officine Grafiche Carroccio Editrice del 1967 in buono stato di conservazione, collezione “Le Ore” Volume III. In-8, legatura editoriale telata bordeaux con incisioni oro e tasselli neri al dorso; sovraccoperta in carta (lacerata al dorso in testa) illustrata a colori con alette; 320 pp. ingiallite con leggera fioritura (alcune con piccole orecchie), con alcune fotografie in nero fuori testo.

Traduzione di Teresa Bolzoni.

Dall’aletta anteriore: In un piovigginoso sabato di settembre, John Ridgway e Chay Blyth approdarono nel piccolo villaggio irlandese di Inishmore, dopo aver remato soli, attraverso l’Atlantico, in una piccola barca lunga circa 6 metri e larga 1 metro e mezzo. I loro 92 giorni di viaggio, con partenza da Cape Cod, furono una vittoria incredibile. Entrambi avevano fatto un duro allenamento nell’esercito, come paracadutisti, ma non avevano una grande esperienza di navigazione. La piccola barca English Rose III era stata costruita come i battelli della Nuova Scozia, il tipo di barca tradizionalmente usata dai pescatori di quelle coste. Gli uomini che la costruirono promisero ai due inglesi un mezzo per lottare ed essi ne avevano certamente bisogno. Per tre mesi vissero in questo guscio di noce. La English Rose III fu presa di mira da tempeste violente, dall’uragano Alma, da enormi ondate. Gran parte del cibo fu reso inservibile dall’acqua salata. I due coraggiosi incontrarono balene, squali, focene, delfini, un misterioso serpente marino e varie navi. Ma la completa solitudine li portò a nuove dimensioni di vita e la lotta per continuare ad avanzare e giungere salvi diede loro una più grande consapevolezza dei veri valori. Giorno per giorno, Ridgway e Blyth tennero separatamente un diario. Grazie a quei fogli hanno potuto scrivere L’Oceano in punta di remi, il loro personale resoconto di una impresa fra le più avventurose del secolo.

Let's keep in touch!
Fill in the form and receive our newsletter

logo sernicola sviluppo web milano