giornale di bordo di cristoforo colombo (1492-1493)

19,00

Autore: cristoforo colombo

Editore: bompiani

ISBN: LDM1656947744

1 in stock (can be backordered)

1 in stock (can be backordered)

Description

Raro esemplare della prima edizione di Valentino Bompiani & C. del 1939 (Anno XVII dell’era fascista) in buono stato di conservazione, collana “Grandi ritorni” (Romanzi, autobiografie, memorie, mamoriali e documenti). In-8, legatura editoriale telata grigia con incisioni arancio al piatto anteriore e al dorso; sovraccoperta artigianale in carta coeva con applicazioni della sovraccoperta originale al piatto anteriore e al dorso; 384 pp. ingiallite, con annotazioni a matita ed ex libris di Emilio Delfino e timbro di Aresi Raimondo al risguardo anteriore, annotazioni a matita al risguardo posteriore e frontespizio illustrato e stampato in nero e in rosso; con annotazioni e sottolineature a matita in molte pagine, alcune illustrazioni in nero nel testo e alcune tavole in nero fuori testo.

A cura di Rinaldo Caddeo.

Dall’aletta posteriore del libro Relazioni di viaggio e lettere di Cristoforo Colombo 1493-1506Non ci dovrebbe essere casa di Italiano senza una copia del Giornale di bordo di Cristoforo Colombo. Perfino chi fa fatica a leggere dovrebbe custodire con venerazione il libro che serva il profumo dell’alta e pia meraviglia del sommo navigatore.

Il grande fatto della vita di Colombo è il suo viaggio di scoperta dal 3 agosto 1492 al 4 marzo 1493.

Di questa meravigliosa impresa, l’Ammiraglio fu non solo il protagonista, ma lo storico: uno storico sempre sincero, schietto, preciso e insieme ispirato dalla Grazia. Egli comunica al lettore quel fremito di mistero, di attesa, di speranza dal quale sono presi lui e i centoventi argonauti che lo accompagnano.

L’immensità paurosa dell’Oceano ignoto; le luci delle stelle cadenti; le alghe del mare dei sargassi che sembrano voler trattenere e imprigionare le erranti caravelle sulle cui effimere scie si affacciano curiosamente pesci e sirene; gli strani uccelli che giungono affannati da lontani orizzonti e si posano sulle sartie cantando soavemente; gli aghi delle bussole impazzite; il vento che spira senza posa verso ponente come se volesse vietare ogni ritorno a levante; il mare che si gonfia senza che neppure un soffio d’aria lo increspi; le ansie dei naviganti, ora chiusi in cupa tristezza ora gettati in moti di rivolta; le terre che appaiono magicamente create dal desiderio per scomparire poi in un demoniaco tumulto di cirri e di nebbie; infine l’urlo di liberazione e la gioia sovrumana nello stupore della terra scoperta e raggiunta, bella e pingue come un paradiso terrestre; e ancora il naufragio della Santa Maria, la terribile bufera che minaccia di seppellire nel mare nemico tanta agognata vittoria, e gli agguati degli invidi rivali.

Il Giornale di bordo di Cristoforo Colombo è, come la gloriosa impresa che racconta, un capolavoro dell’energia e dello spirito umano. Erano passati assolutamente troppi anni dall’ultima ristampa italiana di un libro che non poteva esser detto senza tristezza introvabile.

Let's keep in touch!
Fill in the form and receive our newsletter

logo sernicola sviluppo web milano