Da oltre 40 anni
i migliori libri sul mare
nel cuore di Milano

Le nostre novità!

  • il jinn del mare
  • la meteorologia in mare
  • la saga dei pirati
  • the coral triangle
  • amalfi coast
  • il mare e l’oceano
  • moby dick
  • avventure e viaggi di mare
  • spagna mediterranea
  • il periplo della sardegna in 20 giorni (isole e peripli)
  • la storia della vita e dei viaggi di cristoforo colombo
  • il mare d’italia
  • encyclopedie, ou dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des metiers, par une societe de gens de lettres
  • napoli – costiera amalfitana – cilento (tascabili per viaggiare)
  • marine musicali
  • titanic the ship magnificent – volume two
  • titanic the ship magnificent – volume one
  • bateaux a roues d’europe et d’amerique
  • l’arte nella marineria
  • yacht club italiano 1879-1979
  • il jinn del mare

    Di giorno Khattaf Raffay è una persona qualsiasi, ma di notte si trasforma in un jinn, una creatura soprannaturale temuta da tutti. Soprattutto dai marinai, perché si racconta che il mostro del mare si diverta ad affondare ogni imbarcazione che incontra. Ma sarà davvero così malvagio?

    Da una leggenda tradizionale degli Emirati Arabi Uniti, questa storia ci fa riflettere sul valore della tolleranza e il significato della verità, che non sempre corrisponde a ciò che si sente dire.

    Libri creati per favorire un dialogo tra i bambini del Mediterraneo e le diverse culture. In collaborazione con Kalimat.

    Lingue: Italiano e Arabo.

    Età: 6+

    Edizione: 2020

    Scopri di più

  • la meteorologia in mare

    La meteorologia in mare non solo è un testo indispensabile per quanti, diportisti o regatanti, vanno per mare, ma si rivolge con pari attenzione a chiunque desideri saperne di più sul legame tra l’atmosfera e il mare, anche senza trovarsi a navigare.

    La prima parte del testo è dedicata ad alcuni essenziali elementi di meteorologia; vengono, infatti, illustrati sia i più comuni parametri meteorologici (come pressione, temperatura, umidità) sia concetti più complessi di dinamica dell’atmosfera (cicloni e anticicloni, nubi e piogge, vento ecc.).

    La seconda parte spiega e illustra come reperire informazioni meteo attendibili, come leggere la strumentazione di bordo e come interpretare i messaggi del cielo e del mare.

    Il volume è corredato da grafici e tabelle – che rendono la lettura facile e chiara – e da numerose schede di approfondimento sulle tecniche di navigazione e sulle curiosità dell’“andar per mare”.

    Edizione: 2020

    Scopri di più

  • la saga dei pirati

    Virginia, 1701. È questo il luogo ideale per il ricco Thomas Marlowe, desideroso di lasciarsi il passato alle spalle e insediarsi nella buona società locale, composta soprattutto di latifondisti e coltivatori di tabacco. A tal fine acquista, pagando in contanti con cinquemila sterline d’oro e d’argento, la piantagione della vedova Tinling. Ma la vita di terra non fa per lui e il suo non può essere un tranquillo buen retiro: con l’aiuto di un manipolo di fedeli compagni rimette in sesto la Plymouth Prize, un decrepito vascello, e con essa inizia una vittoriosa guerra contro i pirati.

    Ma se Marlowe riesce a sconfiggere con facilità i Fratelli della Costa è perché li conosce bene. Bene come solo uno di loro potrebbe. Anch’egli, infatti, un tempo era un bucaniere, ma ora ha deciso di dimenticare quel passato. Solo che, a volte, è il passato che non vuole farsi dimenticare.

    Incapace di resistere al richiamo del mare e dell’avventura, Marlowe si troverà così nuovamente a solcare gli oceani, ancora una volta trascinato nella lotta per proteggere, con audacia e astuzia, quanto di più prezioso possiede, nella resa dei conti con amici e nemici della vita di un tempo impossibile da ignorare.

    Edizione: 2020

    Scopri di più

  • the coral triangle

    Take a breathtaking plunge into the colorful world of the Coral Triangle, the waters that cradle Indonesia, Malaysia, the Philippines, Papua New Guinea, the Solomon Islands and Timor-Leste. One of the world’s most mature reef networks, home to 30 percent of all the world’s coral, this magnificent marine expanse boasts the highest diversity of coral and fish species on the planet. Underwater photographer Chris Leidy beautifully captures a vision of this wonderland through his lens and conveys the inherent complexities of each singular, fleeting scene, illustrating the vital magic of the Coral Triangle.

    Comprising the most biodiverse ecosystems on our planet, oceans are humanity’s life-support system, processing more carbon dioxide than rainforests. Featuring a passionate text by Fabien Cousteau, The Coral Triangle presents the underwater world as a complex realm filled with vibrant life, inviting readers to fall in love with its majesty, and inspiring deeper understanding of the fragility of coral reefs and the unparalleled importance of taking action to protect our oceans.

    Edition: 2020

    Scopri di più

  • amalfi coast

    The Amalfi Coast is the pinnacle of the Italian dream. Tucked amongst the lemon blossoms and the bougainvillea is a line of thirteen towns that comprise the Amalfi Coast. Known for its vertical landscape, the villages are only accessible via the Strada Statale 163 — a narrow, winding, cliffside route that while unsettling to traverse, offers unparalleled views. This magical strip joins the mountains and the Mediterranean Sea below and aesthetes from around the world flock here year after year to enjoy its quaint pebbled beaches, scenic hikes, perfect climate and legendary establishments, which are not limited to storied hotels and restaurants. Landmarks from the Cathedral in Amalfi to Villa Rufolo in Ravello, all evoke the culture and the spirit of bygone centuries, and landmarks enjoyed by the likes of Jacqueline Kennedy, John Steinbeck, and Gore Vidal abound. With its signature limoncello, both grown and enjoyed locally, finest villas and breathtaking vistas, the Amalfi Coast is in a class of its own. 

    Edition: 2020

    Scopri di più

  • il mare e l’oceano

    Gioca a completare tutti i disegni e scoprirai un mondo meraviglioso da colorare divertendoti!

    Età: 4+

    Edizione: 2012

    Scopri di più

  • moby dick

    Raro esemplare della sesta ristampa dell’edizione del 1955 di Frassinelli Tipografo Editore del 1959 in buono stato di conservazione. In-16, legatura editoriale (rovinata al dorso) con copertina rigida cartonata blu illustrata in bianco al piatto anteriore e al dorso; con cofanetto in carta rosso (in parte scolorito) illustrato in oro; 784 pp. con volantino promozionale coevo.

    Traduzione di Cesare Pavese riveduta e migliorata.

    Prefazione di Cesare Pavese del 1941.

    Dalla prefazione: “Tradurre Moby Dick è un mettersi al corrente con i tempi. Il libro, ignoto sinora in Italia, ha tacitamente ispirato per tutta la metà del secolo scorso i maggiori libri di mare. […]

    Moby Dick è, in un migliaio di pagine, una novella alla Poe, con tutta la sua costruzione, i suoi effetti ragionati di terrore; e, insieme, una di quelle analisi morali di peccatori, di ribelli a Dio, che, espresse in uno stile caldo e sfavillante da sermone, legano il nome della Lettera Scarlatta più forse alla storia del Puritanesimo che non a quella della poesia. […]

    Ma Moby Dick, così ragionato e tecnico com’è, vale anzitutto per l’ispirazione biblica. In esso la Balena, dopo tutte le classificazioni e i nomi scientifici ed archeologici, rimane soprattutto il Leviatan.

    Si legga quest’opera tenendo a mente la Bibbia e si vedrà come quello che potrebbe anche parere un curioso romanzo d’avventure, un poco lungo a dire il vero e un poco oscuro, si svelerà invece per un vero e proprio poema sacro cui non sono mancati né il cielo né la terra a por mano. […]

    Oltre che un mito morale, la favola di Moby Dick è anche una sorta di oceanico trattato zoologico e baleniero, e un poema dell’azione e del pericolo. Qualche lettore più recente ravvisa, anzi, in questo tono il suo fascino più vero.

    Le lunghe dissertazioni cetologiche, le minuzie descrittive sui particolari della caccia e della navigazione, le compiaciute e maliziose digressioni d’ogni genere, non soltanto testimoniano dell’estro multicorde dell’autore, ma inducono a riflettere sul singolare intreccio di questi motivi con quelli biblici suaccennati. […] Ogni capitolo, ogni periodo, ogni frase del libro ha quell’aria inevitabile e fatale che è come un suggello di classicità.”

    Scopri di più

  • avventure e viaggi di mare

    Raro esemplare della prima edizione di Giangiacomo Feltrinelli Editore del 1959 in buono stato di conservazione. In-8, legatura editoriale con copertina rigida cartonata stampata a colori (danneggiata), senza sovraccoperta; con risguardi illustrati in azzurro; 576 pp. con 28 tavole in nero e 8 a colori tutte fuori testo. Pagine ingiallite.

    A cura di Mario Spagnol e Giampaolo Dossena.

    Dalla nota dei curatori: “Dire relazioni di viaggi per mare sembrerebbe poco meno che dire libri di storie d’amore; ma le grandi collezioni di viaggi veri nacquero nell’età delle scoperte geografiche. […]

    Così, alla fine del Settecento, divenuti legione i viaggiatori, conosciutosi quasi tutto il mondo (e battendo alle porte ormai una vera letteratura marinaresca), le strade cominciarono a separarsi: geografia descrittiva da una parte, avventure dall’altra. […]

    Noi abbiamo voluto rifarci a questo antico modulo di lettura per provare a tracciare una sorta di storia del mare attraverso scritti memorialistici e documentari, autobiografici o di prima mano, ma fin che è possibile divertenti. Fra i nostri autori, gli scrittori stessi rientrano solo in quanto si sia riusciti a trovare nelle loro opere qualche pagina che, quand’anche tenga del racconto, sia direttamente autobiografica e in ogni modo ci siamo rivolti di preferenza ai loro diari, alle loro memorie o, più lontano ancora, alle loro fonti.

    Questa sorta di storia del mare, così sfaccettata e filtrata attraverso vicissitudini singole, per lo più singolarissime, non può naturalmente aver pretese di compiutezza, né tanto meno vuol essere una storia della navigazione, delle scoperte geografiche, delle vicende politiche. L’accento cade semmai sull’avventura che nel mare ha avuto fino a ieri il suo più naturale teatro.”

    Scopri di più

  • spagna mediterranea

    Prima edizione per questo volume che descrive la costa continentale della Spagna Mediterranea da sud a nord, ossia da Gibilterra al confine francese. Lungo questo tratto di 672 miglia si incontrano scenari quanto mai variegati, dalle imponenti catene montuose alle spalle della Costa del Sol e della Costa Blanca, alla grande laguna del Mar Menor, al delta del Rio Ebro sulla Costa Dorada per giungere, infine, alla spettacolare e frastagliata Costa Brava, incisa da numerose baie e calette per solitari e insoliti ancoraggi. Questo lungo litorale offre, inoltre, l’opportunità di accedere nei porti di grandi città come Malaga, Valencia, Tarragona e Barcellona, in cui si mischiano il comfort del moderno e il fascino dell’antico a rivelare un passato ricco di storia.

    L’introduzione riporta utili informazioni tecniche di meteorologia, ambientali, di sicurezza e normative sulla navigazione da diporto. In questo modo il navigante dispone di tutto quanto deve sapere per conoscere l’area che intende esplorare.

    Il volume fornisce le informazioni di pilotaggio necessarie sia che si tratti di un trasferimento per raggiungere o risalire da Gibilterra sia per la navigazione verso le Baleari. Questo lungo tratto di costa offre un inusuale campo di crociera con il suo interessante entroterra ricco di attrattive che l’autore non manca di segnalare.

    Le 6 aree di navigazione:

    1 – Stretto di Gibilterra

    2 – Costa Blanca

    3 – Costa Dorada

    4 – Costa del Sol

    5 – Costa del Azahar

    6 – Costa Brava

    I numeri del portolano:
    139 PORTI – 206 ANCORAGGI – 229 PIANI – 487 FOTO

    Edizione: 2020

    Scopri di più

  • il periplo della sardegna in 20 giorni (isole e peripli)

    Il periplo della Sardegna non è un portolano, né un manuale di navigazione costiera, non è un testo di archeologia, né un prontuario per sommozzatori, né una guida turistica. È un po’ di tutto questo, ma è soprattutto un racconto in cui i luoghi, le curiosità e le suggestioni arcaiche dell’isola si intrecciano alle emozioni di chi ha vissuto l’esperienza del viaggio.

    Un ritratto della Sardegna dal mare, al di sopra ed al di sotto del livello dell’acqua, con l’intento di accompagnare il lettore oltre i confini del mare stesso, attraverso suoni, colori, sapori, arte e tradizioni alla scoperta di un’isola che rimane impressa dentro.

    Uno stimolante “aperitivo” per iniziare una crociera costiera diversa, alla portata di tutti i naviganti.

    I principali luoghi del periplo: Isola di Sant’Antioco, Capo Teulada e le spiagge di Chia, Cagliari, Villasimius, Ogliastra, Isola di Tavolara, Arcipelago de La Maddalena, Santa Teresa Gallura e Capo Testa, Isola dell’Asinara, Alghero e Capocaccia, Bosa, Il Sinis, Masua e lo scoglio del Pan di Zucchero, Isola di San Pietro e Carloforte.

    Con la prefazione di Paolo Fresu.

    Edizione: 2020

    Scopri di più

  • la storia della vita e dei viaggi di cristoforo colombo

    Raro esemplare della prima edizione dell’Editore Adriano Salani del 1936 in buono stato di conservazione. In-16, legatura editoriale con copertina rigida telata rossa (con macchie di umidità) e incisioni oro al dorso (in perfetto stato) e al piatto anteriore (sbiadite); senza sovraccoperta; con risguardi stampati a colori; 432 pp. con numerose tavole a colori e in nero fuori testo. Pagine ingiallite e macchiate di umidità.

    A cura di Giuseppe Scortecci.

    Con la cartina pieghevole a colori “I quattro viaggi di Cristoforo Colombo”.

    Dalle parole dell’autore: “Pochi uomini sono stati tanto glorificati, e tanto vituperati, tanto misconosciuti e discussi come Cristoforo Colombo. Scienziati ed ignoranti, saggi e sciocchi, si sono avventati, si avventano e forse si avventeranno contro questo grande, con una furia maligna e spesso incomprensibile, cercando di scrutare nei minimi particolari della sua vita per trovare un argomento atto a diminuirlo agli occhi del mondo. E la furia balzana di questi scienziati ed ignoranti e saggi e sciocchi è giunta fino al punto di creare patenti e sfacciate mistificazioni, fino alla negazione di ogni evidenza, fino a dir nero quel che era bianco. E vi sono stati scrittori, la cui fama ha immeritatamente varcato i confini del loro paese, i quali, con un’impudenza che desta stupore, hanno costruito romanzi di centinaia di pagine, dei quali Cristoforo Colombo è il personaggio, diremo così, principale. Non si tratta però del Cristoforo Colombo quale appare attraverso documenti reali, ma di un Cristoforo Colombo romanzato, al quale lo scrittore ha dato quel carattere che il suo animo meschino gli ha suggerito: un timido, un pauroso, un inetto, un genialoide assai ignorante, favorito dal caso, del quale quasi non meriterebbe conto parlare.”

    Scopri di più

  • il mare d’italia

    Raro esemplare della prima edizione dell’Editore Nicola Zanichelli del 1911 in ottimo stato di conservazione, collana “Biblioteca di Cultura Popolare” (diretta da Guido Biagi). In-16, legatura editoriale con copertina rigida telata seppia e incisioni rosse al dorso e ai piatti; con risguardi stampati in nero; con annotazione a penna al risguardo anteriore e al frontespizio e a matita al risguardo posteriore; 230 pp. senza illustrazioni. Pagine ingiallite.

    Dalla descrizione della collana stampata sul risguardo anteriore: “Le nuove cure rivolte dal Governo e dal Parlamento alla istruzione elementare e i recenti Congressi della Federazione delle Biblioteche Popolari hanno dimostrato la necessità che in ogni parte d’Italia si fondino questi istituti  compimento ed integrazione dell’opera sin qui manchevole della scuola. Ma la parola degli uomini più autorevoli, che nel Parlamento e nei Congressi trattarono dei nuovi bisogni dell’educazione popolare, segnalò altresì la mancanza di libri adatti a questa più larga ed efficace forma d’insegnamento.

    E invero, se nella produzione libraria italiana abbondano buone opere scolastiche, difettano invece quelle di divulgazione che in forma piana ed attraente trattino le questioni più vive onde si travaglia la società moderna e che rispondono a quanto ricercano e desiderano i nostri concittadini delle classi meno agiate, e specialmente quanti vivono lontano dai centri di coltura.

    Pertanto col proposito d’appagare tali bisogni e di colmare le deficienze lamentate, la nostra Casa ha iniziato una “Biblioteca di cultura popolare” […]. La nuova collezione, a cui volgemmo le nostre cure migliori, avrà soprattutto carattere pratico […] ed intende servire insieme alla coltura e al progresso del vivere sociale.”

    Dal commiato dell’autore: “Libro, ti ho composto con molto amore e con quanta cura potevo. So che altro non sei fuor di un sommario. Altra mole occorrerebbe ad un’esposizione circostanziata delle ricchezze marittime di un paese dalla cui spina centrale, gli Appennini, si veggono sempre due mari, talora tre.

    Calza le scarpette d’avvio e va tra la gente. Sei stato fatto per quella spicciola, anziché per i dominatori dell’ora, i quali, per avventura, troveranno nelle tue pagine il richiamo a qualche dovere trascurato sin qui.

    Dell’Austria, un tempo nostra nemica, si disse nel Secolo XVIII: “E’ sempre rimasta in addietro di un’idea, di un anno e di un esercito”. Pur troppo oggi non essa, ma piuttosto noi meritiamo la severa sentenza. […]

    Va’ dunque, o libretto, tra la gente cantando il leit motive della laude all’esportazione. Ciascuna nazione ha i suoi […] consumatori […]. 

    A noi incombe […] raccogliere i nostri […] e, colla lusinga del miglior mercato e coll’artistico merito del nostro prodotto, carpire ai rivali ed agli emuli parte dei […] loro. Qual via meno costosa che la via del mare? Qual veicolo migliore che la nave?”

    Scopri di più

  • encyclopedie, ou dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des metiers, par une societe de gens de lettres

    Raro esemplare degli ultimi due capitoli del primo volume di tavole della sesta edizione (tirata in 6000 esemplari) delle Sociétés Typographiques de Lausanne et de Bernes, pubblicata fra il 1778 e il 1782, in buono stato di conservazione. In-8, legatura con copertina rigida cartonata successiva, creata con materiali d’epoca; con macchie di umidità; 31 pp. con 37 tavole fuori testo, di cui alcune acquerellate a mano e 4 mancanti (Pl. XVII, Suite de la Pl. XVII, Pl. XIX, Suite de la Pl. XIX), + 12 pp. di “Evolutions Navales” con 3 tavole fuori testo + 2 pp. di “Avis au Relieur”.

    Messa in ordine e pubblicata da Denis Diderot dell’Académie Royale des Sciences et des Belles-Lettres de Prusse e, quanto alla parte matematica, da Jean Baptiste Le Rond d’Alembert dell’Académie Royale des Sciences de Paris, dell’Académie Royale des Sciences et des Belles-Lettres de Prusse e della Société Royale de Londres.

    L’Encyclopédie è una delle più vaste enciclopedie edite nel corso dei secoli. La prima edizione venne pubblicata in 28 volumi fra il 1751 e il 1772 a Parigi da uno straordinario gruppo di intellettuali illuministi sotto la direzione di Diderot e D’Alembert. Il successo fu tale che ne vennero stampate diverse copie “contraffatte”.

    Fra il 1758 e il 1776, infatti, venne realizzata un’edizione italiana (ma sempre in lingua francese) a Lucca, in 28 volumi, a cura di Ottaviano Diodati e, fra il 1769 e il 1778, un’altra edizione (ancora in lingua francese) a Livorno, sempre in 28 volumi, a cura dell’Abate Michelangiolo Serafini e di Filippo Gonnella.

    Nello stesso periodo, per l’esattezza fra il 1770 e il 1776, ne venne realizzata un’altra edizione a Ginevra, sempre in 28 volumi, a cura di Gabriel Cramer per Charles Joseph Panckoucke, il quale, fra il 1776 e il 1780, realizzò anche 7 volumi, “ufficiali” e legittimi, di integrazione all’edizione originale dell’Encyclopédie.

    Tutte queste edizioni, però, realizzate nel formato in-folio, avevano un costo importante. Visto il grande successo commerciale, si pensò, quindi, di realizzarne una versione più compatta e con costi più contenuti. La pubblicazione nel formato in-quarto vide la luce in Svizzera, in varie tirature da 39 volumi, eseguite da Jean Léonard Pellet (per conto di Pierre Jacques Duplain) a Ginevra e dalla Société Typographique a Neuchatel, fra il 1777 e il 1780.

    Dulcis in fundo, si arriva all’edizione in-ottavo, pubblicata fra il 1778 e il 1782 a cura delle Sociétés Typographiques di Losanna e di Berna, composta da 39 volumi e ancora più a buon mercato per i lettori dell’epoca, che è l’edizione a cui appartiene l’esemplare in nostro possesso.

    Un’opera mastodontica, la prima vera enciclopedia universale della storia, nonché la più importante testimonianza degli ideali illuministi, che modificò profondamente il modo di pensare e di vedere il mondo nella seconda metà del XVIII Secolo.

    Scopri di più

  • napoli – costiera amalfitana – cilento (tascabili per viaggiare)

    I luoghi del cuore – diversi e sorprendenti. Nel cuore del viavai o nel bel mezzo del nulla.

    Indirizzi – personalizzati, insoliti, di tendenza e, spesso, anche rispettosi dell’ambiente.

    Tour – a piedi, in bici, in barca. percorrete nuove strade e scoprite angoli segreti.

    Approfondimenti – tutto quello che c’è da sapere, con interviste, ritratti, reportage e foto.

    Libro con mappa staccabile.

    Edizione: 2020

    Scopri di più

  • marine musicali

    Il mare e la musica: due domini vasti, pressoché infiniti, accomunati dal movimento. Questo libro ha l’ardire di metterli in relazione, formando degli insiemi geografici e temporali. Si procede per gruppi linguistici: l’ambito anglosassone, quello francofono, l’italico, l’austro-tedesco, il russo e l’orientale. Partendo dall’epoca barocca si avanza fino all’età moderna e contemporanea, scandagliando l’opera lirica e tanti altri generi, come la musica pianistica e il repertorio vocale da camera. Melodie, barcarole, gondoliere veneziane, colonne sonore, brani sinfonici, canzoni, dai compositori più celebri ai meno conosciuti, tutti accomunati dall’aver tratto ispirazione dalle acque salate di mari e oceani. E strada facendo, l’inventario s’intreccia con mille storie di mare: navi, traversate, pirati, naufragi, salvataggi, dalle più antiche vicende mitologiche alle cronache moderne.

    Edizione: 2020

    Scopri di più

  • titanic the ship magnificent – volume two

    The largest, most luxurious ship in the world, lost on her maiden voyage after colliding with an iceberg in mid-Atlantic, Titanic has become the stuff of legends. Built at the peak of the race between the British, French and Germans to build bigger and better ships, she was the achievement of 15000 men in one of the world’s most advanced shipyards. While everyone knows the new White Star liner was the most glamorous and was full of millionaires when she sank, few appreciate just how luxurious she was or how advanced her design was for her day.

    For the first time, Bruce Beveridge, Scott Andrews, Steve Hall, Daniel Klistorner and Art Braunschweiger look in detail at the ship herself, how she was built and what it was like inside. From the engine rooms to the First Class parlour suites, from the Doulton water closets to the cargo cranes, every area of Titanic is presented in stunning detail. Volume Two covers the interior design and fitting out of the ship and presents detailed deck-by-deck information, from the palatial rooms of First Class to areas of the ship seen only by the crew.

    Edition: 2016

    Scopri di più

  • titanic the ship magnificent – volume one

    The largest, most luxurious ship in the world, lost on her maiden voyage after colliding with an iceberg in mid-Atlantic, Titanic has become the stuff of legends. Built at the peak of the race between the British, French and Germans to build bigger and better ships, she was the achievement of 15000 men in one of the world’s most advanced shipyards. While everyone knows the new White Star liner was the most glamorous and was full of millionaires when she sank, few appreciate just how luxurious she was or how advanced her design was for her day.

    For the first time, Bruce Beveridge, Scott Andrews, Steve Hall, Daniel Klistorner and Art Braunschweiger look in detail at the ship herself, how she was built and what it was like inside. From the engine rooms to the First Class parlour suites, from the Doulton water closets to the cargo cranes, every area of Titanic is presented in stunning detail. Volume One covers the design and construction of Titanic, with individual chapters detailing such diverse areas as the riveting of the ship, her heating and ventilation systems, funnels, steering and navigation systems and more.

    Edition: 2016

    Scopri di più

  • bateaux a roues d’europe et d’amerique

    Rare exemplaire de la première édition d’Edita du 1976 en excellent état. In-16 horizontal, reliure cartonnée en toile bleu avec gravure or au dos et au plat de devant; avec jaquette (avec rabats) imprimée à couleurs; avec les gardes illustrées en noir; avec dédicace au stylo à la page de faux-titre; 216 pp., avec 190 illustrations en noir et 11 en couleurs dans le texte.

    Dessins de Carlo Demand.

    Direction éditoriale d’Ami Guichard, avec la collaboration rédactionnelle d’Yvan de Riaz.

    Mise en page de Max Thommen.

    Reliure de Maurice Busenhart.

    Le jour n’est pas éloigné où les derniers bateaux à roues disparaitront, plus que centenaires. Sans attendre ce moment, les auteurs de cet ouvrage ont voulu faire partager à leurs contemporains leur passion pour un moyen de transport dont le romantisme s’allie aux dernières conquetes de la technique.

    Aux origines des bateaux à vapeur, on trouve Papin et sa marmite. Mais le premier projet de bateau à roues fur breveté en 1736. Ce livre ressuscite les temps héroiques des pionniers, de William Henry à Edward Church, en passant par John Fitch, Robert Fulton, Jacques-Constantin Périer ou Claude de Jouffroy d’Abbans.

    Il nous les montre aux prises avec le scepticisme d’une époque, les problèmes techniques, les embuches du fleuve ou tout simplement les difficultés financières. Il retrace l’évolution qui conduit des premiers modèles en bois aux hotels flottants du Rhin ou du Mississippi. Il évoque la conquete des lacs et des fleuves par ce type de bateau, puis son lent déclin.

    Texte et image se complètent harmonieusement pour rendre l’atmosphère des croisières sur les fleuves ou sur les lacs. […] Sans user d’un jargon rebutant, les auteurs ont su faire comprendre le fonctionnement des machines, la marche des pistons et des cylindres. Grace à eux, deux cents ans d’histoire de la navigation défilent devant le lecteur.

    Scopri di più

  • l’arte nella marineria

    Raro esemplare della prima edizione dell’Istituto Editoriale Electa del 1967 in ottimo stato di conservazione. In-4, legatura editoriale con copertina rigida telata arancione, con incisioni azzurre sul piatto anteriore e sul dorso; con sovraccoperta in carta illustrata a colori con alette (particolarmente ingiallito il dorso); risguardi illustrati in marrone (annotazione a matita sul risguardo posteriore); con frontespizio stampato in nero e in arancione; con alcuni segni a matita e timbro; 244 pp., con numerose illustrazioni a colori e in nero nel testo (con didascalie fuori testo). Con timbro del Civico Museo Navale di Milano (n. di reg. 3274/6) in ultima pagina.

    Traduzione di Maria Teresa Rubin de Cervin.

    Dall’introduzione: “[…] Se qualcuno […] intende occuparsi di “arte della costruzione navale” come scienza storica, gli mancano evidentemente in primo luogo gli elementi visivi. […] Di navi […], vale a dire di imbarcazioni storiche originali, ben poco è giunto fino a noi. Non esiste quindi una storia dell’arte della nave per la mancanza di materiale oggettivo? L’esame di questo problema e il suo incoraggiante risultato, e cioè l’esistenza di testimonianze sufficienti (anche se per lo più di genere secondario) che fanno apparire sensato e meritevole l’occuparsi di questo campo antichissimo, quasi sconosciuto, ma altamente interessante, tutto ciò è stato il motivo della pubblicazione del presente libro.

    Di quale natura sono tali testimonianze? Tra quelle da considerarsi secondarie sono le raffigurazioni dalle quali si può desumere lo sviluppo architettonico-storico della nave. Sono graffiti rupestri preistorici, pitture murali con imbarcazioni nilotiche nelle tombe reali egizie, immagini vascolari greche e miniature del primo Medioevo con raffigurazioni di navi; piani e progetti di navi rinascimentali e barocche eseguiti dai cantieri, disegni e dipinti della pittura di marine del XVII e XVIII Secolo, le più tarde riproduzioni delle singole navi, ingenuamente popolaresche, e le prime fotografie di velieri del secolo scorso; inoltre modelli di navi […].

    E vi sono anche documenti primari […]: un paio di navi nord-europee d’alto mare, venute alla luce in recenti scavi, degli ultimi secoli prima di Cristo e dei primi dopo Cristo, come ad esempio quelle dell’epoca dei Vichinghi; navi affondate in passato e riportate a galla in questi ultimissimi anni […]; infine, resti di antiche navi e frammenti delle loro decorazioni […].

    Tali testimonianze primarie e secondarie sono oggetto di questo libro. Non viene tuttavia trattato quello che è familiare a chiunque si interessi alla materia e che è stato da sempre registrato nella storia dell’arte, e precisamente nella storia della pittura: la cosiddetta pittura classica di marine, specie la scuola dei pittori olandesi di marine del XVII Secolo. […]

    Per contro abbiamo riservato largo spazio ai dipinti raffiguranti specificamente le singole navi, un genere particolare di pittura dilettantistica popolare-internazionale, documentabile a partire dalla metà del XVIII Secolo, che ha alcuni rapporti di parentela con la ben più antica pittura votiva con rappresentazioni di navi. Questo quadri votivi a loro volta permettono di riconoscere delle relazioni con l’arte della costruzione navale antica ed esotica. Tutti questi generi sono stati presi in esame uno per uno.”

    Scopri di più

  • yacht club italiano 1879-1979

    Raro esemplare della prima edizione dello Yacht Club Italiano del 1979 in ottimo stato di conservazione. In-4, legatura editoriale con copertina rigida telata grigia e incisione in rosso al piatto anteriore; cofanetto in carta bianco con stampa a colori al dorso; sovraccoperta bianca con alette stampata a colori in prima; 172 pp. con numerose illustrazioni in nero e una a colori, tutte nel testo. Stampato su carta a mano bianca grazie alla Lancia S.p.A. in edizione limitata e fuori commercio (copia n. 451/3000).

    Le fotografie di questo volume, tratte dalle raccolte private dei soci dell’Y.C.I., sono state scelte e ordinate dalla socia Francesca Lodigiani.

    Dalla prefazione di Beppe Croce, Presidente Y.C.I.: “La Direzione Generale dello Yacht Club Italiano è lieta di offrire ai soci, ai circoli velici italiani, alle Federazioni veliche ed alle personalità dello yachting internazionale, all’I.Y.R.U. ed ai principali yacht club esteri il volume celebrativo del Centenario.

    Illustrato da una raccolta fotografica che risale alle origini del Club, e ne segue la lunga cronaca dal 1879 al 1979, il volume vuol essere una accurata documentazione di un periodo di grande interesse per la storia della vela in Italia e, al tempo stesso, desidera mettere in evidenza l’apporto fondamentale offerto dallo Yacht Club Italiano al progresso e alla diffusione, in Italia e all’estero, del movimento velico, dall’epoca dei non dimenticati pionieri fino ai giorni nostri.”

    Scopri di più

La storia

La Libreria del Mare è nata negli Anni Settanta ed è situata all'interno di un'antica drogheria nel cuore di Milano. Oggi la libreria vanta una selezione di quasi diecimila libri e altri articoli, fra cui, ovviamente, le carte nautiche e i portolani. Inoltre, la Libreria del Mare promuove la cultura marinaresca attraverso una serie di incontri con gli autori più affermati del settore. Fra gli altri: Giovanni Soldini, Bjorn Larsson, Simone Perotti, Davide Besana, Elisabetta Eordegh e Carlo Auriemma... Infine, la libreria collabora con numerose istituzioni pubbliche e private (BookCity Milano, Comune di Milano, Ocean Film Festival Italia e Urban Blue City Milano).

Blog del Mare

iNautia

iNautia

La Libreria del Mare ha riaperto

La Libreria del Mare ha riaperto

Fase 2 della Libreria del Mare

Fase 2 della Libreria del Mare

Barca Pulita

La Barca Pulita è un ketch di 44 piedi a basso impatto ambientale; infatti, a bordo si sperimentano nuovissime tecnologie per la conversione dell'energia. Inoltre, il suo equipaggio, composto da Elisabetta Eordegh e Carlo Auriemma, da oltre trent'anni cerca in mezzo agli oceani quelle isole dove non arriva nessuno... E, in effetti, hanno toccato gli angoli più remoti e improbabili del pianeta, per raccontare ciò che il mondo nasconde nei luoghi in cui è più difficile arrivare.

Restiamo in contatto!
Compila il form per ricevere la nostra newsletter

* campo obbligatorio

 

logo sernicola sviluppo web milano